Home page > Traduttore > Histoires d’un idiot de guerre - Storie di uno scemo di guerra

Histoires d’un idiot de guerre - Storie di uno scemo di guerra

"Storie di uno scemo di guerra" di Ascanio Celestini
traduzione di Pietro Pizzuti

A 8 anni mio padre ha rischiato la vita per una cipolla. Eravamo il 4 giugno 1944. Quel giorno Lui, nelle strade affollate di Roma, accompagnava mio nonno che progettava di riunire 1000 Lire per comperare un maiale rubato ai Tedeschi. Per questo gli toccava scovare i soci pronti a voler costituire la sua "Società del maiale". All’uscita di una strada o sotto un tetto barcollante, nel cuore di una città in preda al fuggi fuggi, mio nonno tentava di convincere quelli che avrebbero potuto accompagnarlo in questa strana avventura. C’era il ragazzino diventato vecchio, il barbiere dalle mani di fata, lo scemo di guerra che si è nascosto come una cipolla sotto terra,...

Michael Delaunoy : "Che contastorie incredibile...All’ascolto di ciò che vive e palpita, Celestini evoca la Grande Storia attraverso innumerevoli piccoli destini, storie di famiglia come ne conosciamo tutti. Ha questa facoltà rara di sfoderare la fantasia la più strabiliante per raccontare la realtà, senza mai ingentilirla né renderla banale. Solo la più autentica poesia può offrirci ciò."

Creata al Rideau de Bruxelles il 27 febbraio 2007
messa in scena di Michaël Delaunoy
con Angelo Bison e Pietro Pizzuti

Testo :

PDF - 346.1 Kb