Home page > Autore > La résistante - la resistente

La résistante - la resistente

Una scrittrice scrive un dramma del quale non sappiamo nulla se non quello che ne dicono i due personaggi che dialogano con lei: una donna incinta ed un bambino-soldato. L’opera tratta della guerra, della violenza endemica degli uomini, della loro propensione a farsi del male come una malattia irreversibile. I due personaggi si rivoltano contro la loro autrice. La accusano di vigliaccheria, poiché tramite la sua scrittura non fa altro che legittimare la passività degli spettatori che, come lei, rinunciano a qualsiasi velleità di azione, seduti al calduccio nei loro salotti. Le dicono che il teatro non può cambiare il mondo, che pensare il contrario è un sogno da intellettuali. Rifiutano di essere le marionette di una tragedia immaginaria. Affermano che la realtà sorpassa in orrori la finzione e che da secoli il teatro non ha ispirato la pace agli uomini. Lei resiste. Dice che la scrittura è il suo modo di resistere alla barbaria. Non dice se serve, ne a chi. Non sa più se scrivere è meglio di niente. Avvolte niente sarebbe meglio. Ma lei resiste. Non può fare altrimenti. Scrive.

I personaggi:

Nourit, L’autrice, Bambino-soldato.

Creazione:

creata agli incontri teatrali internazionali del Cameroun a Yaoundé nel novembre 2004 e al Théâtre Le Public (Bruxelles) nel gennaio 2006, regia di Guy Theunissen, con Zigoto Tchaya, Yaya Mbile, Catherine Salée et Maître Mamadou Aliou Barry, assistente alla regia, tecnico e creazioni luci Francis Beidi, tecnico palcoscenico e intendenza Serge Fouha, realizzazione scene: Issa Lucien, Denis Sufo, costumi: Doudou Félicité. Premio SACD-LANSMAN del Concours de l’Union des Artistes-2003; Prix du Théâtre 2006.

Link utili:

www.maisonephemere.be
www.theatrelepublic.be

Testo in francese:

Éditions Lansman www.lansman.org